Blog

Denti e psicomotricità

XX:

Ciao a tutti, oggi io e mio figlio siamo andati al parco e abbiamo preso un gelato e quando il piccolo ha cominciato a mangiarlo, la sua reazione è stata come se avesse mangiato una patata bollente… Sono rimasta stupita e adesso sono un po’ preoccupata che forse ha dei problemi già con i denti. Leggevo l’altro giorno sul gruppo americano di Sotos che una bambina di 3 anni ha dovuto avere un intervento abbastanza serio per sistemare i denti…a 3 anni!!!!?? Qualcun’altro ha notato che i loro figli sono particolarmente sensibili al cibo caldo/freddo??? O qualcuno ha già avuto dei problemi con i “primi denti”?? Si può fare una visita alla dentista già 2 anni???? Grazie e Buon Venerdi a tutti!

RB:

Ciao, noi abbiamo portato Gloria più di un anno fa, ( aveva quasi 4 anni) al Dimer del San Raffaele a Segrate, dalla Dott.ssa XXX. Questa segnalazione mi era arrivata tramite il gruppo di yahoo….La dottoressa aveva già in cura una bambina Sotos. Premetto che è tutto privato…non è convenzionato col SSN, la prima visita è andata abbastanza bene, Gloria si è sdraiata su di me e si è fatta visitare. La cosa che ci premeve sapere era se avesse carie e soprattutto denti in più ( visto l’iperaccrescimento…).

La dottoressa è molto brava, ed era rimasta stupita dalla collaborazione di Gloria, comunque non aveva rilevato (contando) dentini in più, anzi ci aveva tenuto a precisare che anche la bambina che aveva già in cura non presentava particolari anomalie. Siamo tornati un paio di mesi dopo per fare la radiografia e verificare le carie…e Gloria naturalmente NON ha più collaborato, quindi abbiamo optato per la sedazione lo scorso Dicembre. Con la sedazione le hanno curato tutte le cariette piccole e una grande, le hanno fatto le panoramiche e hanno riscontrato che ha tutte le gemmine dei denti e soprattutto non ha carie in profondità. Siamo stati contenti. Se ti interessa ti passo tutti i riferimenti…comunque ritengo che la visita odontoiatrica sia dovuta..come tutto il resto…!!!! Ciao

XX:

Come sempre il mio punto di riferimento su tutto…..sei davvero un angelo per me!! Grazie mille, parlando con mio marito faremo questa visita al più presto….mi puoi dare i suoi dettagli per favore? Lunedi abbiamo l’incontro alla UONPIA per vedere se nostro figlio ha bisogno di terapia e che tipo….incrociamo le dite e poi il 7 giugno la visita annuale da XXX. Lui si è spostato a xxxxx adesso dunque sarà molto più facile visto che non dobbiamo andare a Milano….ogni volta che andavamo mio marito prendeva SEMPRE la multa per aver entrato in una via del traffico limitato!!!! Cosi risparmiamo almeno!!!

XX:

Ciao, mio fratello non ha mai avuto grossi problemi coi denti. Non mi sembra particolarmente sensibile a caldo e freddo. Purtroppo lui ha il palato ogivale e questo lo porta a non riuscire a chiudere bene i denti e quindi non mastica correttamente. In passato lo abbiamo già portato dal dentista ma andava tutto bene. Circa un mese fa lo abbiamo riportato e la dentista ha deciso di provare a mettergli un apparecchio per migliorare la sua dentatura. Per fare l’impronta abbiamo faticato un po’ perchè lui non era molto consenziente, ma ce l’abbiamo fatta.

Il problema sarà poi fargli tenere l’apparecchio. Per lui servirebbe un fisso ma la dentista ha detto che era troppo pericoloso, perchè se non lo sopporta magari poi se lo strappa via….così farà il mobile. Speriamo in bene. Inoltre ora ha 3 carie, ma per curare quelle bisognerà sedarlo. Solo con l’anestesia locale è impensabile.

XX:

Grazie, sul discorso con il palato ogivale, non sono sicura ma forse mio figlio ce l’ha dunque è qualcos’altro da considerare. Oggi è stata una giornata molto faticosa perchè siamo andati ad un incontro con la dottoressa e la terapista alla UONPIA di XXX per discutere se il bambino ha bisogno di terapia e che tipo. Sarebbe più facile prendere il sangue da una pietra (un modo da dire originario del mio paese tradotto in italiano) per avere le risposte concrete e sinceramente io e mio marito non abbiamo molto fiducia nella loro competenza.

Ci hanno spiegato che nostro figlio ha bisogno di psicomotoricità ma la lista di attesa ad XXX è lunga. C’è un posto disponibile per una volta alla settimana ma devono guardare la lista di attesa per vedere le esigenze dei bambini sulla lista e vedere chi ha più bisogno. Poi la dottoressa ci dice che, se possiamo, di iniziare a fare la terapia in un modo privato perchè non si sa quando nostro figlio può iniziare (io e mio marito eravamo belli eleganti perché dopo saremmo andati al lavoro, dunque francamente, ho l’idea che ci hanno “giudicati” come una famiglia ricca che non siamo affatto).

Siamo rimasti un po stupiti su quest’idea ma alla fine se dobbiamo aspettare troppo tempo forse dovremo pensare ad un pò di terapia privata una volta alla settimana. Poi per finire, quando ho detto che l’asilo ha chiesto un’ educatrice di sostegno per nostro figlio da settembre, erano molto contenti come se pensassero “bene, un altro problema risolto da qualcun’altro”…non lo so, spero di sbagliarmi mah… Ecco la mia giornata…domani abbiamo la visita all’osteopata (andiamo ogni tanto per tenere sotto controllo la schiena del bambino per la scoliosi) e chiederò a lei per un riferimento privato per la terapia……ed è solo lunedì!! Ciao!

RB:

Cara XXX, inizio dalla fine….se le persone sono competenti e dedite a quello che fanno, si arriva ovunque…ora inizio dall’inizio…Gloria fa psicomotricità all’UONPIA da quando aveva 6 mesi….e spesso io e Roby ci siamo chiesti…ma a cosa serve?…ma perchè veniamo qui??

Le risposte ce le da Gloria stessa con i suoi cambiamenti caratteriali, perché su questo stanno lavorando da 4 anni….concentrazione, costanza e controllo delle situazioni; tutto questo lavoro è fattibile perché’ la psicomotricista sa fare il suo lavoro…lavoro che richiede tempo per vedere i risultati, ma che se fatto come ho detto sopra….è fatto bene. Purtroppo noi genitori stiamo affidando i nostri figli a degli sconosciuti, che resteranno tali se non hanno le capacità, ma che diventeranno parte del nostro percorso in caso contrario.

Tieni conto che la Sotos è sconosciuta come sindrome, almeno da me…quindi…la bravura sta nel centrare le necessità del bambino, trattandolo come tutti gli altri e mano a mano riconoscerne i limiti e farli superare. Per la lista d’attesa ti confermo che è così, ci sono attese di mesi…non penso che la proposta del privato sia stata fatta in base all’abito….ma ti chiedo: quale programma vi hanno prospettato…il termine psicomotricità è…vasto !! Un abbraccio

XX:

Hai proprio ragione in quello che scrivi…ho pensato tanto oggi…ma è proprio la tua domanda alla fine che conferma le mie preoccupazioni……ci hanno detto “psicomotricità” ma nient’altro, dunque anche se volessimo fare tutto in modo privato non abbiamo qualcosa scritta che ci descrive che cosa ha bisogno nostro figlio, che tipo di terapia ecc ecc. Parlavano di aiutarlo giocare meglio, prolungare il livello di attenzione, togliere il “problema” di ripetizione nel gioco e aiutare il bambino ad essere meno arrabbiato…e basta.

Dunque, sono un po’ persa…non vorrei iniziare un percorso privato, sia per la ragione dei soldi ma anche perché forse, non ci sarà il vantaggio di avere una linea di comunicazione sempre aperta tra scuola, famiglia e l’assistenza….oppure, visto che abbiamo già iniziato questo percorso con loro, non vorrei dover re-iniziare da zero con qualcun’altro; sinceramente la dottoressa ieri non ci ha dato la fiducia nelle sue competenze…..la terapista è stata più brava! Magari quando andiamo a visitare dott. XXX ci parliamo per aver una “seconda opinione” sulla situazione e vediamo com’è la L’UONPIA di XXX…non lo so… 🙁

RB:

“aiutarlo a giocare meglio, prolungare il livello di attenzione, togliere il “problema” di ripetizione nel gioco e aiutare nostro figlio ad essere meno arrabbiato” non sono cose da poco, sono le stesse cose che stanno facendo con Gloria, come vedi la psicomotricità è applicata per tante ragioni…l’hanno fatta anche alla scuola elementare di E., per verificare il comportamento dei bambini nell’ambito del gioco di gruppo. Non demordete, provate c/o un’altra Uonpia, ma quello che ti hanno descritto sarà quello, penso che ti confermeranno anche altrove..

A proposito dell'autore


Comments are closed.